Al via la scuola per politici diretta da Massimo Cacciari

Ancora una settimana per iscriversi al corso di formazione politica in partenza il prossimo 16 settembre a Palazzo Arese Borromeo. Sarà la V edizione diretta da Massimo Cacciari che dichiara: “Il corso è indicato per tutti coloro che vogliono affrontare la crisi del nostro paese con consapevolezza e competenza. Le imminenti votazioni del 25 settembre segnano una svolta nella storia politica italiana: sono la conclusione di una crisi ventennale in cui il parlamento ha dimostrato di non saper formare da sé dei governi adeguati, anni in cui il Presidente della Repubblica è intervenuto continuamente per risolvere problemi che il parlamento non era in grado di risolvere. Viviamo in una crisi ormai evidente di sistema politico. Le forze politiche però non ne discutono e viene affrontata in modo dilettantistico, occasionale e marginale”.

La scuola, che coprirà 4 aree tematiche, è strutturata in 8 moduli che si terranno il venerdì pomeriggio e il sabato mattina in presenza presso le sale di Palazzo Arese Borromeo con un convegno finale aperto al pubblico prevista per sabato 19 novembre. Fino al 13 settembre, è possibile iscriversi attraverso il sito www.centroeuropeopalazzoborromeo.it. “Tutti questi problemi dovrebbero obbligare ad una riflessione seria e di spessore scientifico per vedere come dovrebbe funzionare il nostro parlamento stabilendo una scala di priorità serie. Nel corso di formazione politica vorremmo affrontare i problemi che il paese incontra senza ipocrisie e con grande franchezza, su base storica e scientifica. Il corso è rivolto a tutti coloro che vogliono partecipare davvero alle grandi trasformazioni che il Paese dovrà affrontare perchè dopo la pandemia e dopo la guerra, sperando che questo “dopo la guerra” avvenga il più presto possibile , ci troveremo davvero in una situazione inedita. Per affrontare questa “novità” di questo calibro è necessaria coscienza e conoscenza. Proprio per questo, vorremmo fornire strumenti adeguati a tutti coloro che parteciperanno al corso” conclude Massimo Cacciari.