Scuola-per-Politici-e-Amministratori_RGB

SCUOLA PER POLITICI E AMMINISTRATORI DI ENTI LOCALI E REGIONE

diretta da

Massimo Cacciari

 

Progetto di formazione promosso dal Comune di Cesano Maderno,

Università Vita e Salute San Raffaele,

Politeia Centro per la ricerca e la formazione in politica ed etica

 

II EDIZIONE 2019

PALAZZO “ARESE-BORROMEO”

(CESANO MADERNO – VIA S. CARLO 41)

 

QUALE EUROPA?

POLITICA e AMMINISTRAZIONE

nelle principali democrazie europee contemporanee

Il corso intende fornire gli strumenti concettuali e operativi per la conoscenza e l’analisi del governo e delle politiche dell’Unione Europea. Tenendo conto degli aspetti storici, giuridici, politici, economici e sociali dell’Europa, il progetto formativo prende in considerazione sia l’evoluzione storico-politica dell’Europa sia i processi decisionali dei governi nazionali e sub-nazionali e delle rispettive politiche pubbliche in chiave comparata.

Approfondisci Iscriviti
LogoIconografia-Palazzo-arese-borromeo

DALLE IDEE ALLE COSE: PROGETTARE NEL SEGNO DELLA DIFFERENZA

Corso presso il Centro Culturale Europeo Palazzo Arese Borromeo
Direttore: Aldo Colonetti

La II edizione del corso sarà presentata a breve

 

 

DI SEGUITO PROGRAMMA DEL CORSO EDIZIONE 2018

I Edizione 2018

Le condizioni attuali della produzione sia artigianale che culturale consentono grande flessibilità sia sul piano della quantità sia su quello del linguaggio espressivo. Da qui è necessario ripartire per ridefinire e quindi ricollocare l’essenza del “fare” e quindi dell’oggetto stesso, in un contesto dove le variabili sono più numerose delle costanti: fondamentale, da questo punto di vista, è il ruolo del design.
Le immagini si costituiscono e si sviluppano in relazione alla nostra esperienza e alle nostre capacità di costruire una relazione tra le idee e le cose; le immagini costruiscono il senso della nostra realtà, e le loro “identità e differenze”, una serie di problematiche teoriche, che implicano cambiamenti di paradigmi interpretativi e progettuali.
Tutto questo per affermare che le dimensioni teoriche del progetto devono essere in grado di intercettare, in tempo reale, le trasformazioni tecnologiche e produttive che provengono dal mondo delle “cose”.

Approfondisci Iscriviti